martedì 15 febbraio 2011

Ospedale



( Platano - Fulvio Roiter )
Ospedale

Spuntano trasparenti cannule
da fori sulla pelle.
Varchi di me stessa all’infinito
"a riveder le stelle".
Liquidamente ricordo poesia.
Appese a grucce come frutti marci
sacche d’illusione.
Ciò che iniettate ora, se ne andrà
dalla mia carne tremula
da questa vita che non è più mia.
Già sprofondano gli occhi, all’infinito.
Ed io metto radici

( Alle mie zie )




( Sara Ferraglia)
Posta un commento