giovedì 1 ottobre 2009

Mi porto in giro il cuore


Mi porto in giro il cuore ed altri orpelli

Mi porto in giro il cuore ed altri orpelli
perché ogni tanto possono servire
per aggiustare i guasti della vita
quando parole paiono coltelli
della misura giusta per ferire
e il sale brucia sopra la ferita.

Mi porto in giro il volto e le espressioni
che indosso come maschere tribali,
e gesti vecchi e nuovi nelle mani,
cercando di capire le ragioni
di chi mi grida che non siamo uguali.
Qualcosa cambierà, forse domani.

Mi porto in giro anima e ossatura
nascoste entrambe dalla pelle nera
e un giorno pesa l’una e l’altra meno
dipende dalla rabbia e quanto dura
il morso suo prima che faccia sera.
Così son io da dieci anni almeno.

( Sara Ferraglia )

Questa poesia è stata elaborata graficamente da Anna Rita :

Posta un commento