domenica 16 giugno 2019

Chiara


Chiara
Canta per lei una ninna nanna
O bianca luna bianca come lei
Per le sue fragili ali di farfalla
L'onda leggera del suo corpo
Le mani forti sui corpi altrui
Per gli schiamazzi sul sagrato
Braccia su spalle amiche
Occhi a cercar le stelle in prati bui
Corse e risate a perdifiato
Ombre infantili a rabbuiare il viso
Labbra dischiuse nel sorriso
A cui risponde quello di mia figlia
Per il suo zaino pieno di dolore
Che ha lasciato ai piedi del letto
Mentre con leggerezza vola altrove 
Dove tutto ritorna meraviglia
E lei resta sigillo dentro al petto.

( Sara Ferraglia)

lunedì 10 giugno 2019

Non fatelo in mio nome


Non fatelo in mio nome

 Mai stata prima d'ora così fiera
di non aver religione né bandiera. 
Voi che baciate croci e nominate santi
poi vi contate, felici di esser tanti
qui sulla terraferma, sazi e forti 
e in fondo al mare gli altri, tutti morti. 
Voi sentinelle in piedi, senza velo
pregate il vostro padre che è nel cielo
poi preti e suore dalle lunghe vesti
s'indignano col Papa degli onesti. 
Con gli occhi al cielo al vostro Dio chiedete
di darvi il marchio, che i migliori siete. 
Lui vi accontenterà, ne sono certa, 
facendo intorno a voi terra deserta. 
Ci vorrà tempo e forse anche dolore. 
Scorrerà sangue, non dal vostro cuore
che è duro come l'oro che indossate 
quando all'altare voi vi inginocchiate. 
Pregate dunque contro " l'invasione" 
ma non per me. Non fatelo in mio nome.

( Sara Ferraglia )