domenica 9 maggio 2010

Gradara, 8 maggio 2010




Promessa


“Innerveremo i nostri giorni

come le prime foglie a primavera

Alligneremo radici come l’ulivo,

venuto da lontano,

che crescerà in giardino.

Saremo forti insieme

e protettivi come i sassi bianchi

intorno a lui disposti a cerchio,

senza inizio né fine.

Noi due saremo tegole

l’una all’altra addossate,

argille impermeabili

alle intemperie del tempo.”


(Sara Ferraglia)




2 commenti:

Anonimo ha detto...

C'e' chi nei sassi riconosce l'eterno: tempo che perdura pur consumandosi lento lento ed impercettibile. C'e' chi ha saputo, come il sasso, proteggere e riparare... e adesso puo' guardare con immensa gioia la gioia negli occhi di chi fu tanto amato e sempre lo sara'. Ti sembra poco? A me sembra immenso.
Piu' di questo non so dirti ma son certa capirai.
B.

Sara ha detto...

Grazie, i tuoi commenti sono sempre attenti e preziosi!
D'altra parte come potrebbe essere diversamente? "Tu ed io sorelle" no?

Un bacio