mercoledì 17 dicembre 2008

Per Francesca che sta aspettando...




Il presepe di una madre.


Notte per me che sto immaginando
come saranno gli occhi e le tue mani
Notte per te che al buio stai sognando
di sconosciuti viaggi nel domani

Tu presto nascerai anima bella
in un tempo malato di follìa
dove brilla un pò meno anche la stella
che guidò molte genti sulla via

Intorno a te saranno luci ed ombre
rari silenzi e inutili parole
grandi deserti e città immense ingombre
di falsi miti e di persone sole

Per te stanotte chiedo a stelle e luna
d’essere quel che sono eternamente
luci nel buio se la notte abbruna
e fari per il cuore e per la mente

E tu amore mio devi aspettare
che tutto quanto al mondo prenda forma
che il cielo cielo sia e il mare mare
che lasci il piede tuo sul suolo l’orma







( Sara Ferraglia )
Posta un commento