venerdì 3 ottobre 2008

Le stagioni di mia madre

( Fiori nel giardino - Olio di Ugo Santoli - www.ugosantoli.it)


Le stagioni di mia madre


I suoi vestiti odorano di viole
E di ginestre al sole appisolate
Affamate di caldo al primo sole
Le sue mani nei fiori indaffarate.

Gerani colorati ai davanzali
E figli già cresciuti in qualche posto
Sogni assopiti mettono le ali
In una notte torrida d’agosto.

E poi l’autunno coi suoi toni accesi
La vede pensierosa accanto al fuoco
Sente passar il tempo,i giorni, i mesi
Sa di far parte di un immenso gioco.

Ora l’inverno freddo e immacolato
Con il suo filo puro e trasparente
Un velo di ricordi ha già intrecciato
Gliene fa dono, inesorabilmente.

Le tue stagioni, o madre, come onde
S’imprimono nel cuore, si fan vita
S’abbatton dolcemente sulle sponde
Flusso e riflusso di beltà infinita.


( Sara Ferraglia )


Segnalazione speciale XXI edizione premio Ignazio Silone - Parma 2004

Seconda classificata Premio Maria Rizzo - Roma 2008

Posta un commento