venerdì 5 settembre 2008

L e g g i m i


L e g g i m i
Entrando nelle “o” con lo stupore
E nelle “a” aperte e tondeggianti
Colmandoti di ciò che più t’aggrada
Ma fallo piano, senza far rumore
Perdona le emozioni ridondanti
Libera il tuo sentire ovunque vada

L e g g i m i
E fatti agile e smilzo per passare
Nell’occhio stretto delle tante “e”
Fermandoti ogni tanto per capire
Se qui vale la pena di sostare
Se andare a capo vuole dir finire
Se la musica nei versi adesso c’è.

L e g g i m i
Le “u” saran per te come scalini
Per arrivare quasi sulle stelle
Slaccia le scarpe e perdile nel vuoto
Vecchi ricordi sentirai vicini
Ti torneranno in mente cose belle
E scoprirai che tutto era già noto.

(Sara Ferraglia)



Posta un commento