lunedì 19 maggio 2008

Corte di Giarola, 18 maggio 2008



Parma, tramonto autunnale

Buongiorno, la vedi? La nebbia dirada,
sipario che s’apre sui viali autunnali
comparse sfuggenti i passanti affannati
attrici le foglie che colman la strada
vestendo costumi di scena ancestrali
di rossi, di gialli e d’ocra sfumati.

Ascolta, lo senti? L’autunno sospira:
è l’ape che ronza sull’ultimo fiore
nel vecchio giardino dell’Oltretorrente,
è il rifolo fresco che sui ponti spira
e stringi le spalle nel primo tremore
annuncio precoce d’inverno imminente.

Cammino al tuo fianco sui ricci dischiusi,
sui frutti maturi dell’ippocastano;
topazi e rubini della piracanta
adornano muri e cancelli ormai chiusi
sul sole che muore e rosseggia lontano
in questo tramonto d’autunno che incanta.



( a una persona cara che ha vissuto un difficile autunno )

Segnalazione alla VI edizione del Premio letterario "Il mio paese" ( Corte di Giarola - Pr )


( Sara Ferraglia )

venerdì 9 maggio 2008

Tentazione al cioccolato

Tentazione al cioccolato.


T’amo quando mi tenta il tuo profumo
da una vetrina nella nebbia densa
e m’avviluppa quella voglia intensa
che ogni resistenza manda in fumo.

Penetra nelle ossa questo inverno
quando dal campanile l’ora scocca
del languido sapor sulla mia bocca
che il corpo accende come fosse inferno.

Perchè guardarti mi dà pace t’amo,
t’amo quando mi scorri nelle vene
e più nessun pudore mi trattiene
quando divieni tutto ciò che bramo.

Placato, il desiderio si dilegua
ma il retrogusto amaro che permane
s’insinua nella mente come fame
e agli appagati sensi non dà tregua.


( Sara Ferraglia )