domenica 27 gennaio 2008

Ascoltando Goran Bregovic

Notte di guerra nei Balcani
( ascoltando Goran Bregovic)

Danza scatenata danza gitana
Intorno al fuoco allegra e colorata
Capelli lunghi mossa la sottana
Rossa sul volto non s’è mai fermata.

Cupa la notte balcana che avanza
Fredde le stelle nel cielo appannate
E cresce intenso il ritmo della danza
Gambe leggere dal vento sfiorate.

Ogni scintilla che nasce dal fuoco
Ancheggia e sale nell’aria già scura
E della musica il magico gioco
Cancella dai suoi occhi la paura.

Or brillano nel buio gli occhi neri
E danza sul suo petto la collana
Avvolta dai colori e dai misteri
La morte nella notte s’allontana.

( Sara Ferraglia )
" Le poesie e i racconti contenuti in questo post non potranno essere pubblicati o utilizzati in qualsiasi altro modo, sia parzialmente che integralmente, senza il consenso dell'autore "

venerdì 25 gennaio 2008

A mia figlia...prima che nascesse.


L’attesa.


Mi riempi il corpo e l’anima

Immensamente grande

Come un abbraccio all’universo

O come quando guardo il cielo terso.

Lascia che ascolti il tuo respiro

E silenziosamente parlami di te.

Intensa voce

Goccia preziosa e pura essenza

Natura stessa della mia esistenza.

Ogni momento nella lunga attesa

Ricamerò d’amore il nome tuo

Immensa vita che ti sei accesa.


(Sara Ferraglia )


" Le poesie e i racconti contenuti in questo post non potranno essere pubblicati o utilizzati in qualsiasi altro modo, sia parzialmente che integralmente, senza il consenso dell'autore "




martedì 22 gennaio 2008

Tempi moderni...




Se un pettirosso canta all’alba


Ma come può cantare un pettirosso
nell’albeggiare così freddo e bigio?
Davvero immaginare io non posso
cosa lo ispiri in questo giorno grigio!

M’affaccio alla finestra per capire,
allegro se ne sta s’un davanzale
ed il suo canto a tutti sembra dire
“C’è sempre il sole dopo il temporale.”

Sbatte le alucce e il canto mi rapisce,
non riesco più a distogliere la mente
sono incantata e forse lui capisce,
sale di tono ancora più abilmente.

Canta le meraviglie del creato
e sembra che non voglia mai finire.
Da un piano alto arriva un ululato
“Ma quando smetti che voglio dormire!”

Per un così gentile concertino
che cosa fa passar l’ispirazione?
Non occorre un cervello molto fino
per capir che la colpa è di un coglione.

(Sara Ferraglia)

" Le poesie e i racconti contenuti in questo post non potranno essere pubblicati o utilizzati in qualsiasi altro modo, sia parzialmente che integralmente, senza il consenso dell'autore "




mercoledì 16 gennaio 2008

Tu ed io sorelle


Tu ed io sorelle

Siamo mai state con gli occhi persi
sole, a guardar le stelle?
Cresciute all’ombra d’alberi diversi
Tu ed io, sorelle.
Il vento di carezze avaro
Ci ha sferzato la pelle
Nemico il tempo, a volte amaro
Tu ed io, sorelle.
Ci siamo mai abbracciate forte
Per entrar nella pelle?
L’una nell’altra radici contorte
Tu ed io, sorelle.
Gli stessi segni tracciano il volto
Le nostre voci, solo quelle
Parlano a due anime in ascolto
Tu ed io, sorelle.
(A mia sorella Bruna )
(Sara Ferraglia)


" Le poesie e i racconti contenuti in questo post non potranno essere pubblicati o utilizzati in qualsiasi altro modo, sia parzialmente che integralmente, senza il consenso dell'autore "


Scambio Link

martedì 8 gennaio 2008

Quando incontrai la poesia



La poesia.


Solitaria in disparte
mollemente adagiata
sul letto di parole
nella nebbia dell’arte
io ti avevo trovata
fra le anime sole.

Con le mani ti ho presa
Occhi chiusi a cercare
sconosciuta emozione
Al tuo fascino arresa
come naufrago in mare
che non ha direzione.

Silenzioso il tuo canto
di sirena o di musa
mi rapisce nell’onda
del sorriso e del pianto
nella luce soffusa
poi ritorno alla sponda.

(Sara Ferraglia)
" Le poesie e i racconti contenuti in questo post non potranno essere pubblicati o utilizzati in qualsiasi altro modo, sia parzialmente che integralmente, senza il consenso dell'autore "

domenica 6 gennaio 2008

La notte della Befana.



La notte della Befana.


Ti svegli all’alba coi piedi ghiacciati
Cerchi le calze per farti scaldare
Scendi dal letto e cominci a frugare
Nei desideri dei tempi passati
E nei ricordi dal sonno offuscati.

Cerchi il rumore di passi sui tetti
Ed il profumo di notti stellate
Quando sognavi di streghe e di fate
Quando dal cielo piovevan confetti
Forse perduti da incauti folletti.

E’ proprio questa la cosa più strana
Che il tempo è maestro, a volte, a sbiadire
Pensieri ed orme che vuoi custodire
Poi certe notti l’oblìo si dipana
E ancora aspetti l'amata Befana.


(Sara Ferraglia)


" Le poesie e i racconti contenuti in questo post non potranno essere pubblicati o utilizzati in qualsiasi altro modo, sia parzialmente che integralmente, senza il consenso dell'autore "

sabato 5 gennaio 2008

Chissà se arriva...



Silente notte di nebbia padana


penetra il freddo fin dentro le ossa


spero in un dono, non credo che possa...


dormon le stelle, la luna è lontana


chissà se arriva fin qui la Befana...


(Sara Ferraglia)


" Le poesie e i racconti contenuti in questo post non potranno essere pubblicati o utilizzati in qualsiasi altro modo, sia parzialmente che integralmente, senza il consenso dell'autore "


martedì 1 gennaio 2008

Ninna nanna al 2008 appena nato...


( Fotografia di Tino Veneziani  - http://www.tinoveneziano.com/)

Ninna nanna per un bambino africano
Possano nudi i tuoi piedi
sprofondar nelle dune
Possano i sogni in cui credi
attraversar notti e lune.

Possa la terra odorare
d’uva matura e grano
e possa tu calpestare
l’erba sull’altopiano.

Calore e sete placati
dall’acqua del torrente
e d’amore saziati
anima cuore e mente.

E possa il vento portare
libero il tuo pensiero
fino a raggiungere il mare
di pace messaggero.

Possa tu riposare
Sotto un cielo stellato
E ringraziare il cielo
Solo per esser nato.

( a tutti i bambini che soffrono in qualche parte del mondo )



Sara Ferraglia






" Le poesie e i racconti contenuti in questo post non potranno essere pubblicati o utilizzati in qualsiasi altro modo, sia parzialmente che integralmente, senza il consenso dell'autore "