sabato 17 novembre 2007

Donna dell'est



Donna dell’est

Sei venuta da molto lontano
sulle ali d’un fragile sogno.
Nei capelli l’odor del tuo vento
mentre stringi la diafana mano
di chi della tua forza ha bisogno
e non pensa al tuo dolce tormento.

Hai lasciato la strada sterrata
la finestra graffiata dal ghiaccio
la dispensa ricolma di niente.
Quella notte serena e stellata
c’era tutto nell’immenso abbraccio
la speranza, la terra e la gente.

Ad un corpo che il tempo ha piegato
a una mente che non può ascoltare
a quegli occhi perduti nei tuoi
tu racconti d’un tempo passato
di un paese che non puoi scordare
del futuro migliore che vuoi.

Sei venuta da molto lontano
sulle ali di un falso miraggio
sulle labbra il sorriso ormai spento
di chi vuole lasciar quella mano,
di chi sente mancare il coraggio,
guardi ad est poi ti perdi nel vento.

( a una badante )

( Sara Ferraglia )


( Menzione speciale Premio Citta' di Giungano ( Sa ) settembre 2007)


" Le poesie e i racconti contenuti in questo post non potranno essere pubblicati o utilizzati in qualsiasi altro modo, sia parzialmente che integralmente, senza il consenso dell'autore "





lunedì 12 novembre 2007

Corvi

( da www.warrencriswell.com/crow-drawing2w.jpg )


Corvi


Lottarono i corvi per l’ultimo seme
Nell’arido campo che autunno bagnava
E vinse il più forte di becco e di ali
In uno rimase la fame ma insieme
Tornarono al cielo che notte oscurava
Compagni di caccia ma eterni rivali.



( Sara Ferraglia, autunno 2006 )


" Le poesie e i racconti contenuti in questo post non potranno essere pubblicati o utilizzati in qualsiasi altro modo, sia parzialmente che integralmente, senza il consenso dell'autore "

giovedì 1 novembre 2007

Ricordare


Il giorno dei morti


Non vorrei ricordarti con fiori,
con parole e saluti distratti.
Non vorrei tutti questi rumori,
questi suoni così rarefatti.

Siamo qui in silenzio raccolti
sta dicendo una voce sul fondo
siamo qui a pregar per i morti
ma un mercato mi sembra lo sfondo.

Alzo gli occhi a guardar il tuo volto
su quel gelido marmo lucente
e il tuo sguardo profondo ed assorto
sembra dirmi che c’è troppa gente.

Io ti tengo sepolta nel cuore,
io ti parlo nella notte scura.
Hai ragione,c’è troppo fragore,
esco in fretta dalle fredde mura.

E nel prato qui fuori ti sento,
sei dell’albero il lieve sospiro,
sei la dolce carezza del vento
sei nell’aria che adesso respiro.


( Sara Ferraglia, novembre di tutti gli anni )



" Le poesie e i racconti contenuti in questo post non potranno essere pubblicati o utilizzati in qualsiasi altro modo, sia parzialmente che integralmente, senza il consenso dell'autore "